Il titolo in precedenza largamente anticipato, è stato adesso rimandato ad una data ancora da definire

Nella giornata di ieri Sony ci ha comunicato attraverso il profilo Twitter ufficiale di PlayStation che l’attesissimo sequel del capolavoro di Naughty Dog, The Last of Us Parte II, è stato rinviato a data da definirsi per via della pandemia causata dal coronavirus.

Gli sviluppatori hanno dichiarato che il gioco, la cui uscita era prima stata pianificata per il 29 Maggio, è quasi completo e pronto per essere giocato, dicendo inoltre che la decisione è stata presa per ragioni di natura logistica ed economica.

“La buona notizia è che lo sviluppo di The Last of Us Parte II è quasi finito,” ha affermato Naughty Dog. “Ad ogni modo, anche se finissimo il gioco, dovremmo confrontarci con problemi di natura logistica che non possiamo controllare, e questo non ci permetterebbe di lanciare il gioco nel modo in cui vorremmo. Vogliamo essere sicuri che tutti abbiano la possibilità di giocare The Last of Us Parte II nello stesso momento, assicurandoci di aver fatto tutto il possibile per assicurare a tutti un’ottima esperienza. Questo vuol dire che rimanderemo l’uscita del titolo fino a quando questi problemi logistici non potranno essere risolti.”

Purtroppo stiamo vivendo una brutta situazione, che sta costringendo gli sviluppatori di tutte le software house del mondo a lavorare da casa, in modo da praticare la quarantena e garantire la sicurezza di tutti, questo però sta creando delle difficolta nel corretto svolgimento del lavoro lavoro, che, date le circostanze, non può purtroppo essere tale. Credo proprio che per le stesse ragioni quest’anno vedremo rinviare tanti bei titoli.

Disegno by Ir0kami, visita il suo profilo instagram
Disegno by Ir0kami, visita il suo profilo instagram