Tutto quello che c’è da sapere su una corretta conservazione dei nostri adorati manga! Addio pagine gialle, ondulate e rilegatura che si stacca.

Prima di partire con l’articolo vero e proprio, voglio farvi una piccola introduzione. Colleziono manga ormai da parecchio tempo, non mi reputo un collezionista malato o uno scienziato pazzo dell’argomento, ma nel tempo sono riuscito a capirci qualche cosa in più e ad apprendere qualche nozione che si è rivelata decisiva.

Quindi, partiamo dalla base, non voglio farvi spiegoni allucinanti quindi sarà molto breve e coinciso:

Perché i manga vanno conservati seguendo particolari accorgimenti ?

La risposta è una sola ed è anche abbastanza banale, i manga sono fatti di carta. La carta è un materiale igroscopico, composto da materie prime soprattutto vegetali, unite per feltrazione ed essiccate. Essendo un materiale di origine vegetale possiamo dire tranquillamente, volendola semplificare molto, che si tratta di un materiale “vivo” e quindi soggetto a veri effetti di deterioramento e di modifica della sua struttura, provocati da svariati altri fattori.

Di questi fattori parleremo più avanti, basti sapere però che non basta conservare un manga in una scatola per assicurarne la conservazione. Avete mai sentito parlare delle immense librerie del Vaticano ? Si tratta di magazzini con temperatura controllata e con mille accorgimenti al loro interno, volti alla conservazione di testi con anni e anni sulle spalle. Informatevi un pochino sull’argomento e capirete che non basta accumulare scartoffie in un antro della propria abitazione per renderle “immortali”.

Quali sono i fattori di rischio per i nostri manga ?

Ce ne sono vari, e adesso andremo a spiegarli uno ad uno:

La luce

La luce in generale è il principale fattore di rischio per i manga. vi è mai capitato di vedere dei manga completamente gialli o addirittura arancioni ? Bene, quella colorazione, probabilmente è stata causata dalla luce. Soprattutto la luce del sole è una grande nemica delle nostre librerie. In linea generale una libreria in condizioni ottimali, non dovrebbe essere mai colpita da forti fonti di luce per molto tempo. Se vi rendete conto che il sole batte sulla vostra libreria quando avete la finestra aperta, dovete cambiare posizione. Questo fenomeno in parte può essere limitato dalle buste protettive, ma come regola di base meno la carta viene esposta alla luce diretta e meglio è.

L’umidità

L’umidità è sempre un problema. Crea quelle fastidiosissime onde sui nostri volumi e ne aumenta il deterioramento. In ambienti predisposti alla conservazione della carta questo parametro ambientale viene tenuto sotto controllo costantemente. Molti di noi però non hanno neanche modo di sapere qual’è il tasso di umidità nella nostra casa, quindi andrò a darvi dei consigli generali per una buona protezione dal fenomeno. Prima di tutto la libreria non deve essere mai appoggiata direttamente ad un muro, lasciatela sempre staccata di qualche centimetro.

Evitate di mettere la libreria su un muro che dà direttamente sull’esterno della vostra abitazione e inoltre cercate di fare la medesima cosa per la parte sottostante delle vostre librerie. L’ultimo scaffale della libreria (in basso) è quello più soggetto a creare umidità quindi se tocca direttamente per terra cercate di mettere un rialzo o di posizionare un bicchiere con un pochino di sale all’interno del suddetto scaffale (consigli della nonna). Il sale non farà altro che assorbire l’umidità, provare per credere. Ultimo consiglio essenziale, non fate toccare mai i vostri manga con la fine della libreria (foto di esempio qui sotto), lasciate sempre un po’ di spazio tra la fine della libreria e la posizione dei manga, evitate inoltre, per il medesimo motivo, di fare doppie file.

La polvere e gli Insetti

La polvere, neanche vi sto a dire quanto io la odi personalmente, inoltre in questo caso è anche problematica per i nostri volumi. La polvere non fà altro che depositarsi sulla carta, velocizzando il suo deterioramento. Tutto qua, non c’è molto da sapere, va evitata e basta. Come anche gli insetti. Avete mai sentito parlare di Tarli del legno, pesciolini d’argento o pidocchi dei libri ? No ? Bene sappiate che sono insetti, microscopici, molto comuni e che si nutrono di carta. Molte volte si aggirano per le nostre case e nemmeno ce ne rendiamo conto. Come eliminarli e prevenire la loro comparsa ? Ne parliamo nel prossimo punto.

Manutenzione Ordinaria

Oltre a tutto quello di cui abbiamo parlato nei punti precedenti, un manga in buona salute richiede anche una manutenzione ordinaria da fare sia durante la sua conservazione sia durante il suo utilizzo. Avete avuto problemi di manga con rilegatura che si stacca? Molte volte dipende da una produzione mediocre del volume ma molte altre anche da un non corretto metodo di lettura, i manga infatti non vanno tirati o aperti bruscamente, non vanno piegati o divaricati al massimo consentito per leggere quella vignetta al centro che non riusciamo a vedere (basta semplicemente ruotare il volume a destra o sinistra per avere un migliore angolo di visuale).

Inoltre un buon collezionista dovrebbe scegliere un giorno della settimana, circa ogni tre o quattro mesi, e dedicarlo a spolverare i propri volumi ed a sfogliarli uno ad uno molto velocemente per rilasciare nell’aria tutti i composti organici volatili, che aumentano il deterioramento del volume (microscopici agenti organici che la carta rilascia nel tempo). Come ultimo fattore, teniamo in considerazione la posizione dei manga. I manga non andrebbero mai stretti tra loro troppo forzatamente, la carta ha bisogno di aria e di respirare. Inoltre non andrebbero nemmeno messi un sopra l’altro in orizzontale, il peso rovinerebbe i volumi che sorreggono tutti gli altri.

In conclusione questo è tutto quello che c’è da sapere sulla conservazione dei manga. Ma io so benissimo cosa c’è nella vostra testa se avete letto tutto l’articolo e siete arrivati fin qui. Ma le buste protettive ? Vanno usate ? Proteggono i manga ? Ne rallentano il deterioramento ? Ho fatto un esperimento che va avanti tutt’ora da qualche anno e sono arrivato ad una conclusione. Ma affronterò la questione buste in un prossimo articolo!

Inoltre ci tengo a concludere con un ultima osservazione. La conservazione deriva in parte anche alla qualità vera e propria della carta con cui un manga viene stampato. Maggiore è la qualità della carta e minore sarà il rischio di deterioramento del prodotto. Questo comporta però anche un costo maggiore della produzione e quindi un costo maggiore di vendita finale. Tenete in considerazione anche questo.

Spero di esservi stato utile, ti ricordo che per qualsiasi domanda o dubbio, puoi chiedere nel nostro gruppo Facebook ufficiale, troverai tanti appassionati come te pronti ad aiutarti !