Ormai, poco più di un mese fa, ha fatto il suo debutto sul mercato videoludico il nuovo titolo sviluppato da Infinity Ward. Già negli anni passati Infinity Ward si è rivelata all’avanguardia per quanto riguarda i titoli Call of Duty e Call of Duty: Modern Warfare è indubbiamente uno di quelli realizzati meglio.

Come ogni altro gioco vi sono, ovviamente, lati positivi e lati negativi.
Iniziamo analizzando i lati negativi più palesi e di facile manifestazione:

Crossplay In che modo una feature atta ad elevare l’esperienza di gioco è un contro? Analizziamo i fatti, è chiaro che chi gioca da PC riesce ad avere “vantaggi” su chi gioca da console in quanto la mira ed il movimento sono più precisi da mouse e tastiera. È probabile quindi che alcuni utenti console potrebbero avere dei problemi. Nulla toglie che la bravura è un elemento fondamentale ma un nuovo giocatore da console potrebbe trovarsi in difficoltà.
Ci è offerta una soluzione a questo problema, all’utente è permesso di limitare il matchmaking ristretto alla propria piattaforma di gioco.

Matchmaking Questo contro è un po’ il problema che affligge tutti i giochi di questo tipo. Non capiterà mai in gioco di trovarsi a far parte di una lobby formata da utenti con un livello in game uguale o vicino a quello del giocatore che ha avviato il matchmaking, il quale si ritroverà a fronteggiare utenti di livello 155 (il massimo raggiungibile in game) o anche altri di livello 1, appena entrati nel mondo di gioco. Questo provoca ovviamente dei dislivelli a livello di “prestazioni” degli utenti e molte volte trasforma le partite in match a senso unico e, molte volte, con il quit della lobby.
A questo problema non vi è soluzione, in quanto per quanti si provi a cercare nuove lobby, queste saranno comunque composte da utenti con livelli random, nulla da fare, bisogna diventare pro player.

Le mappe Le mappe sono un problema di CoD? Si e no. Le mappe in se sono ben fatte e apparentemente prive di bug. Il problema è che molte offrono spot da cecchini, che vengono utilizzati dai più furbi come postazione da camping. Sono molti a lamentarsi di come CoD Modern Warfare sia diventato un “parcheggio per camper” alla portata di tutti.
A questa piaga non c’è soluzione, dopotutto siamo noi gamers a decidere come giocare un gioco. Sta alla coscienza del videogiocatore decidere come procedere.

Passiamo ai lati positivi del gioco:

Le armi Le armi oltre ad essere veramente ben fatte e realistiche, presentano una personalizzazione raramente, se non proprio mai, vista in un fps. Parliamo di canna, calcio, ottiche, impugnature, sotto canna, mirini laser e chi più ne ha più ne metta. Oltre all’ovvia presenza delle skin che verranno sbloccate in game, infatti più userete e sarete bravi con un’arma, più ne aumenterete il livello sbloccando man mano skin e accessori. Gli accessori aumentano ancor di più il realismo dell’arma, in quanto un accessorio non ha solo bonus, ma anche malus. Bisognerà quindi essere in grado di capire cosa è meglio in base alla vostra esperienza di gioco, o in alternativa provare tutte le combinazioni fino a trovare quella più adatta per voi.

La grafica e i suoni All’interno di questo nuovo Modern Warfare, grafica e suoni sono elementi utili al gioco. La grafica è la parte meno importante tra le due, ma capita molto spesso che le ombre vi siano amiche rivelandovi la presenza di nemici che si stanno avvicinando oche vi stanno mirando con un cecchino. Il suono, invece, è quanto di più utile e pericoloso voi possiate avere. Se camminerete i vostri passi saranno silenziosi ma il vostro movimento lento, se correrete sarete, ovviamente, più veloci ma i nemici sapranno che siete nei paraggi perché riusciranno a sentirvi. Sta a voi gestire il movimento tra camminata e corsa, aumentando a parer mio l’esperienza di realismo all’interno del gioco.

Le modalità I Call of Duty sono sempre stati molto vari nelle modalità di gioco e quest’ultimo titolo non è da meno. Nelle partite veloci troviamo: Deathmatch a squadre, Tutti contro Tutti, Attacco informatico, Dominio, Cerca e distruggi, Quartier Generale, Postazione, Uccisione confermata, Deathmatch a squadre 20 giocatori, Dominio 20 giocatori. Nella versione veterano abbiamo: Deathmatch a squadre, Attacco informatico, Dominio, Cerca e distruggi, Quartier generale ed Uccisione confermata. Oltre a questa serie di modalità in partita veloce troviamo anche: Tornei, Moshpit realismo, Guerra terrestre (tentativo fallimentare di copiare Battlefield nella modalità con le mappe enormi), Gioco delle armi, Shoot house 24/7, Prove e le partite private per giocare con i vostri amici.
Oltre quanto elencato vi è anche la modalità COOP nella quale potrete collaborare con utenti online, anche in crossplay, e svolgere missioni contro nemici IA.

Ci sarebbe altro di cui parlare come ad esempio la Storia di questo gioco, ma cose come questa vanno scoperte da soli senza che nessuno vi anticipi nulla, ciò che posso dirvi è che vale la pena di essere giocata.

Il gioco presenta 3 versioni:
Standard Edition € 59,99
Operator Edition € 79,99 per il momento scontata del 20% a € 63,99
Operator Enhanced Edition € 99,99 per il momento scontata del 20% a € 79,99
(Tenete conto che su PC si dovrà installare il launcher di gioco Battle.net scaricabile dall’omonimo sito)

Il gioco vale la pena di essere comprato? Se siete amanti degli sparatutto in prima persona, se siete cresciuti con Call of Duty o se semplicemente volete scoprire questo nuovo gioco la risposta è si.

Saluti a tutti.